Le Imprese Oltre Il Fordismo - Riassunto Per Esame

In: Business and Management

Submitted By gatto41
Words 8792
Pages 36
Cap.1 Verso una nuova organizzazione delle imprese?

Spazio, tempo e movimento Strumenti organizzativi di coordinamento e controllo dell’attività umana.

Henry Ford e la produzione di massa

Henry Ford – Cambiamento tecnico del processo produttivo.

Avvia la prima linea continua di assemblaggio grazie ad un approccio all’ingegnerizzazione del processo basato sulla standardizzazione dei compiti e sulla serialità della linea produttiva.

Il vantaggio dell’efficienza derivava da: 1. Aumento della produttività del lavoro: capacità della linea continua di realizzare una quantità di output per unità di tempo che, alla parità di lavoro umano, aumentava sensibilmente; 2. Possibilità di ottenere enormi economie di scala: i costi fissi potevano esse ripartiti su una grande quantità di prodotti realizzati perciò di pesare mediamente di meno sul costo di un prodotto unitario.

Frederick Taylor - Cambiamento nell’organizzazione del lavoro e negli strumenti gestionali.

Principi dello scientific management: 1. Produzione di conoscenza sulle tecniche e sui processi di lavoro. Il lavoro andava studiato secondo un approccio scientifico, cioè, lo studio di tempi e movimenti (one best way); 2. Selezione scientifica degli operatori stessi. Analisi delle capacità individuali per identificare il compito ottimale da attribuire. 3. Perfetta coerenza tra compito ed individuo nel rispetto delle prescrizioni. Le tecniche da utilizzare devono essere insegnate all’operatore per ridurre al minimo le devianze. 4. Necessità organizzativa di separare le attività di pianificazione, analisi e decisione con quelle di esecuzione: per fare questo è necessario un cambiamento all’interno dell’organizzazione, cioè, la creazione di “decisori” ed “esecutori”.

Problema!!!
La proposta iniziale di Taylor, per avere un buon funzionamento del sistema, richiedeva…...

Similar Documents

Sintesi Dei Risultati E Ruolo Della Nato Per La Sicurezza in Europa

...Corso di Laurea in Scienze Politiche Tesi di Laurea in Geografia Politica SINTESI DEI RISULTATI E RUOLO DELLA NATO PER LA SICUREZZA IN EUROPA Laureando: T.Col. Lucio PROVENZANI Relatore: Chiar.ma Prof.ssa Maria Paola Pagnini Correlatore: Prof. Aldo Colleoni Anno Accademico 2002-2003 INDICE INDICE……………………………………………………………………..………….2 INTRODUZIONE………………………………………………...…...………………5 CAPITOLO I…………………………………………………………..……………..10 Le origini e la genesi della NATO; dalla seconda Guerra Mondiale alla fine del Patto di Varsavia 1. 2. Gli antecedenti………………………………………………...………………10 Il ruolo della NATO negli anni della guerra fredda…………...………………13 CAPITOLO II………………………………………………………………………...20 Struttura e principi organizzativi dell’Alleanza 1. 2. I mezzi a disposizione ed i compiti fondamentali……………………………..21 Principi organizzativi di vertice dell’Alleanza………………………………...23 CAPITOLO III……………………………………………………………………….28 Il ruolo dell’Alleanza nel controllo degli armamenti 1. 2. 3. Il controllo delle armi Nucleari, Biologiche e Chimiche……………………...29 Gli armamenti Convenzionali…………………………………………………34 Le armi di distruzione di massa……………………………………………….37 CAPITOLO IV……………………………………………………………………….40 Gli Stati Uniti e la nuova strategia per la sicurezza Europea 1. 2. L’interesse degli Stati Uniti nell’Europa dopo la fine della guerra fredda……40 I nuovi comp iti ed il Nuovo “Concetto Strategico” della NATO……………..45 CAPITOLO V………………………………………………………………………..48 L’identità di sicurezza e......

Words: 78133 - Pages: 313

Le Agevolazioni Fiscali

...LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL’ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL’ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA INDICE INTRODUZIONE 1. L’ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA Associazioni e società sportive dilettantistiche L’iscrizione al CONI I primi adempimenti fiscali 2. IL REGIME FISCALE AGEVOLATO In cosa consiste Le condizioni per accedere Come fare la scelta 3. LE AGEVOLAZIONI PER LE IMPOSTE SUL REDDITO Imposte dirette Irap Le attività considerate non commerciali 4. LE AGEVOLAZIONI PER LE IMPOSTE INDIRETTE L’Iva L’imposta di registro L’imposta di bollo Le tasse di concessione governativa 5 6 6 8 8 10 10 11 12 14 14 15 16 18 18 20 20 20 5. I COMPENSI PAGATI DALLE ASSOCIAZIONI: IL TRATTAMENTO FISCALE 21 Le imposte sui compensi agli sportivi 21 Le somme corrisposte agli amministratori 23 6. I BENEFICI SUI FINANZIAMENTI RICEVUTI Le sponsorizzazioni La raccolta dei fondi 7. LE DICHIARAZIONI FISCALI DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE Il modello UNICO Il modello 770 8. LE AGEVOLAZIONI PER CHI SOSTIENE LE ASSOCIAZIONI La detrazione irpef per iscrizione e abbonamento alle associazioni sportive Le erogazioni liberali effettuate da persone fisiche Le erogazioni delle società ed enti 9. PER SAPERNE DI PIÙ 25 25 26 28 28 28 30 30 31 32 33 3 LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL’ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA INTRODUZIONE Negli ultimi anni l’attività sportiva dilettantistica ha ricevuto particolare attenzione da parte del legislatore....

Words: 7070 - Pages: 29

Bocconi

...dall'anno accademico 2010-2011 Il processo di riforma del sistema di istruzione universitario, avviato nel 1999 con la Dichiarazione congiunta dei Ministri europei dell'istruzione superiore intervenuti al Convegno di Bologna, ha trasformato l'organizzazione dell'Università italiana prevedendo una modifica nell'articolazione degli studi dell'area economico - aziendale dal ciclo quadriennale unico al cosiddetto sistema del 3 e 2 impostato su due cicli (undergraduate e graduate). La logica di omogeneizzazione dei percorsi di studio a livello europeo è stata quella di favorire la libera circolazione degli studenti fra le università durante il periodo della formazione e, successivamente, dei laureati nel mondo del lavoro. I due cicli di studio devono intendersi come completamente separati: al termine di ognuno è infatti prevista una prova finale, l'emissione di un diploma e la certificazione del titolo ottenuto. Completato il ciclo triennale lo studente può decidere se accedere direttamente al mondo del lavoro o se proseguire gli studi universitari con un corso di studi graduate (laurea specialistica o master universitario). Fin dalla prima attivazione dei corsi graduate dell'Università Bocconi, per l'ammissione è previsto un processo di selezione distinto da quello dei corsi undergraduate e pertanto l'ammissione ad un corso di laurea triennale non implica automaticamente l'ammissione a un corso di laurea specialistica. Le procedure di selezione per l'accesso ai corsi graduate......

Words: 10604 - Pages: 43

Italy's Business Environment

...crescita 3. Imprese e finanza 4. Banche e vigilanza Introduzione: Il testo preso in esame descrive la situazione economica italiana in dettaglio spaziando su diversi fronti e dati numerici. Terminologie economiche articolate ma informative sono presenti per dare una descrizione plausibile della situazione economico-finanziaria in cui si trova l’Italia nel 2012 ; fornendo dati alla mano , indici come il PIL, export-import, disavanzo pubblico, saldi attivi/passivi, investimenti diretti esteri , debito pubblico e altri ancora. PARTE 1 L’italia ha un disavanzo pubblico inferiore se comparato all’area euro ( relatvo al 2012) e le previsioni dicono che scendera’ ulteriormente. Il debito per l’anno presente risulta essere uno piu un quito del tot. prodotto nel paese. Si parla dunque di dati piuttosto scadenti ma relativamente nella media e superiori a quelli della Grecia. La situazione fiscale italiana non e’ in allarme poiche’ durante la crisi nera scaturita da mal funzionamento del sistema finanziario intra-bancario, le banche italiane non avevano tenuto basso la rata di interesso su prestiti bancari ma bensi’ piuttosto standard e rigida. Per rimettere il bilancio dei conti in ordine con le aspettative del UME, e’ neccessario diminuire la spesa primaria corrente anche per i prossimi 2-3 anni fino al 2014 tornando in rapporto al PIL sul livello dello scorso decennio. Ridurre il capitale per finanziare I vari settori senza prendere in considerazione le varie......

Words: 1152 - Pages: 5

Il Sogno

...alla conoscenza dell’inconscio nella vita psichica”. Egli intende studiare i sogni in quanto in essi si manifesta la parte più intima, più nascosta e più inconscia della psiche dell’uomo, poiché viene meno il controllo della ragione. Freud individua quattro caratteristiche che definiscono il sogno: • E’ sempre legato al sonno • Si dimentica facilmente e si ricorda solo raramente • Può avere una durata qualsiasi • Influenza il nostro umore e i nostri atteggiamenti quotidiani. Il sogno rappresenta un ospite indesiderato del sonno ma inevitabile perché è la risposta della nostra psiche a uno stimolo, a un disturbo di tipo psichico o fisico o ad un’esperienza quotidiana. Esso è l’espressione concreta di un desiderio, in quanto nel sogno riusciamo a realizzare qualcosa che non siamo riusciti a fare da svegli. Dice Freud che i sogni sono “l’appagamento di un desiderio”: appagamento, però camuffato attraverso simboli onirici, di un desiderio rimosso, ossia di un desiderio accantonato all’interno della psiche, senza però essere stato eliminato, attraverso il processo psichico della rimozione. Nel sogno, infatti, si distinguono: • Il contenuto onirico manifesto, ossia le immagini che vediamo durante il sogno. • Il pensiero onirico latente, ossia il significato nascosto delle immagini (immagini non casuali). Pertanto all’interno del sogno si possono individuare due processi: • La censura onirica, la quale è responsabile dei divieti che......

Words: 2277 - Pages: 10

Comment Les Marketers Influencent Ils La Gen Y Depuis Les Années 2000

...Sommaire Introduction I. Le profile sociologique de la Now Generation A. Le concept de génération B. Le portrait de la Why Generation C. La Gen Y, un concept du tribalisme D. Les pours et contre des Millennials E. Les Millennials à travers le monde II. Comment communiquer avec les Digital Natives ? A. La publicité B. Le Marketing des Psychographiques C. Le Buzz Marketing D. Le Celebrity Marketing E. Le Placement de produit III. Les canaux de communication illustrés par la campagne d’Orangina A. Télévision B. Internet C. Mobile D. Street Marketing INTRODUCTION Le terme de “Génération Y” est apparu dans le magazine Advertising Age, le 30 Août 1993. Il était utilisé pour décrire les enfants nés entre 1980 et 1995 en tant que progénitures des Baby Boomers. Chaque génération est formée par les évènements culturels et politiques de son temps. Cependant, la Génération Y a été sevrée par de nombreux évènements importants (Cf Figure 1 : annexe pour tableau), du scandale O. J. Simpson aux USA à l’invention de l’iPod, en passant par la fusillade dans un lycée à Columbine et l’introduction d’Internet, et tout cela est apparu avant le 11 Septembre 2001. Les Gen Yers essayent tous de créer une seule chose par eux même : une identité. Ils ont leur propre langage et d’importants pouvoirs économique et social. La Génération Y est le segment le plus large de la population mondiale avec plus de 1,7......

Words: 16950 - Pages: 68

Il Credito Bancario Durante La Crisi

...DI STUDI PER L’ECONOMIA E L’IMPRESA Corso di laurea triennale in Economia aziendale Tesi di laurea in Economia e gestione delle Banche e delle Imprese di Assicurazione Il Credito alle imprese durante la Crisi Relatore: Prof. Mario Valletta Candidato: Stefano Siccità Anno Accademico 2011/2012 1 Indice 1. Introduzione………………………………………………………………...….3 2. Un semplice modello del mercato creditizio………………………….………..5 3. I dati: andamento del credito e dei tassi bancari nel 2011……………………12 3.1 La domanda di credito…………………………………………..……..14 3.2 L’offerta di credito………………………………………………..……16 3.3 Il costo del credito……………………………………………………...22 3.4 La qualità del credito…………………………………………………...25 3.5 Il punto di vista delle imprese………………………………………….27 4. Una valutazione d’assieme……………………………………………………35 5. Possibili soluzioni…………………………………………………………….42 6. Bibliografia……………………………………………………………………61 2 Introduzione Lo scopo di questo studio è fornire un quadro analitico su un problema, che a mio avviso è di centrale attualità in questo periodo: il credito bancario alle imprese durante la crisi. Gli effetti di una stretta sul credito possono essere assai rilevanti: le imprese potrebbero esser costrette a ridimensionare i piani di investimento, alcune potrebbero non aver più sufficiente liquidità, mentre altre non potrebbero addirittura evitare il default, con l’effetto di prolungare e amplificare la recessione. Ciò ancor di più in un’economia quale quella italiana dove il......

Words: 16099 - Pages: 65

Gestione Delle Risorse Umane Riassunto Libro Costa Cap 6,9,11

... Riassunto: Le risorse umane persone, relazioni e valore di Giovanni Costa e Martina Gianecchini Cap. 6 LE PERSONE GIUSTE AL POSTO GIUSTO con le attività di reclutamento e selezione l'impresa mette a confronto il fabbisogno aziendale con i mercati del lavoro, al fine di individuare le persone con un profilo coerente con la propria strategia di business, cioè in possesso delle competenze professionali e comportamentali necessarie, e quindi in grado di apportare individualmente e collettivamente, un contributo agli obiettivi aziendali. Individuare le persone giuste non è né semplice né automatico. 6.1 il processo di assunzione il processo di assunzione comincia nel momento in cui l'impresa avverte la necessità di adeguare il proprio organico alle necessità della strategia o al fabbisogno segnalato dalle attività di programmazione del personale. L'inserimento di nuove persone dovrebbe essere progettato in una logica di continuità. Numerosi sono però gli ostacoli a una programmazione di politiche di assunzione di lungo periodo: * cambiamenti organizzativi: che spingono verso una veloce evoluzione dei ruoli delle competenze * cambiamenti nei mercati: che accelerano i tipi di obsolescenza delle competenze distintive * cambiamenti normativi: che agendo sulle regole dei contratti modificano le logiche organizzative. Chi inserire in azienda? la risposta implica uno sforzo sia in termini di caratteristiche del ruolo da ricoprire (job description), sia in termini di tratti......

Words: 14606 - Pages: 59

Riassunto Iudica Zatti Diritto Privato

...Dunque è Natale! E allora vi propongo come “dono” la dispensa completa e aggiornata al 2012 di “diritto privato”. Due parole per dirvi che la base su cui essa è stata costruita è una dispensa del 2003/2004 fatta dall’Università degli studi di firenze, che però non comprendeva molti capitoli (soprattutto dal 30esimo in poi) e certamente non potevo avere al suo interno tutte le norme emanate post 2004. Ho dunque integrato il mancante, nonché verificato pagina per pagina dal libro se vi fosse qualcosa di interessante da aggiungere o perlomeno da riformulare. Ultima postilla manca solo il capitolo sulle procedure concorsuali (ultimissime pagine del libro), e ogni tanto potreste trovare qualche abbreviazione non sempre intuibile, ad ES y = anno le altre a memoria non me le ricordo, ma comunque per qualsiasi informazione non esitate a chiedermi!! E con questo cari colleghi vi auguro un buon Natale! Marco Cella CAPITOLO 1 L’ORDINAMENTO GIURIDICO Le parole del diritto : La parola diritto deriva dal latino medioevale directus. La regula distingueva ciò che era lineare/retto da ciò che era contorto irregolare, non in linea con la regula. Norma = regola di comportamento, ma anche normalità/legalità. Lo scopo ultimo del diritto è di perseguire in una certa comunità organizzata, un ideale di giustizia. In negativo, il diritto serve a impedire che ognuno si faccia giustizia da solo; serve quindi ad evitare violenza e vendetta.(ne cives ad arma ruant) La parola legge può essere intesa......

Words: 62677 - Pages: 251

Il Lavoro a Progetto

...CAPITOLO I 1. Il lavoro a progetto: art. 61, d.lgs. 276/2003 Le tipologie di lavoro flessibile costituiscono un capitolo importante all’interno di un processo di flessibilizzazione in atto ormai da decenni, volto ad adattare le prestazioni lavorative alle mutevoli esigenze del sistema economico produttivo. Nell’ambito di tale percorso si è giunti all’individuazione di fattispecie che si discostavano dallo schema classico del lavoro dipendente a tempo indeterminato che dapprima, venivano viste come eccezionali ma poi, sono divenute una costante del mondo del lavoro. Le varie forme di collaborazione che sono state introdotte sono riconducibili all’area del lavoro autonomo e/o del lavoro parasubordinato. La diffusione di tali forme di impiego ha registrato un vero e proprio exploit a causa di notevoli fattori promozionali, tra i quali le esigenze di contenimento dei costi di lavoro in presenza di un ciclo economico incerto ed i vari processi di outsourcing di importanti attività aziendali. Questi ultimi hanno favorito il trasferimento di competenze specifiche a soggetti esterni all’organizzazione produttiva, il cui impegno è più facilmente gestibile ed adattabile ai cicli produttivi. Le tipologie contrattuali che meglio rispondono alle esigenze sopraccitate sono: le cc.dd. collaborazioni coordinate e continuative, prima e poi, il cd. contratto a progetto. Quest’ultimo, è una delle principali novità della riforma del mercato del lavoro, la cui disciplina si propone di......

Words: 3583 - Pages: 15

Principi Di Marketing Riassunto Kotler

...Principi di Marketing Philip Kotler – Gary Amstrong Cap. 1 Il Marketing consiste nella gestione di relazioni profittevoli con il cliente e il suo scopo è creare valore per il cliente e ottenere in cambio un valore da quest’ultimo. L’obiettivo del marketing si concretizza nel soddisfacimento dei bisogni del cliente. Se l’operatore di marketing riesce a comprendere i bisogni del consumatore, sviluppare un prodotto ad alto livello e definire strategie di prezzo, distribuzione e promozione efficaci, le vendite diventano una logica conseguenza. In senso generale il marketing è un processo sociale e manageriale mediante il quale una persona o un gruppo ottiene ciò che costituisce oggetto dei propri bisogni e desideri creando, offrendo e scambiando prodotti e valori con altri. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi: 1. Comprendere il mercato e i bisogni del consumatore il concetto fondamentale alla base del marketing è quello dei bisogni, cioè le condizioni in cui si percepisce uno stato di privazione, i bisogni plasmati dalla cultura e dalla personalità individuale si trasformano in desideri, se supportati dalla potere d’acquisto i desideri danno origine alla domanda di mercato. I bisogni e i desideri dei consumatori possono essere soddisfatti attraverso le offerte di mercato, cioè una combinazione di prodotti, servizi, informazioni ed esperienze rivolte a un determinato mercato per soddisfare un bisogno o un desiderio. (la miopia di mercato è......

Words: 30201 - Pages: 121

Geopolitique : Emigration Et Élargissement, Comment Les Etats Membres Régulent-Ils Les Flux Du Sud-Ouest de L’europe

...vers l’Est : les raisons et les chiffres 2- les enjeux de l’élargissement de la zone Schengen : Un espace de libre circulation 3- La sécurisation des frontières 4- Le rôle de l’agence Frontex II. Nouveaux murs, anciennes peurs : une efficacité relative 1- Une réponse simple face à l’urgence? La réponse de la Grèce. 2- ….mais aussi imparfaite, un aveu d’impuissance ? Les Droits de l’Homme en sous-jacent. 3- Ce modèle s’inspire-t-il du celui de Melilla et Ceuta ? La Bulgarie va-t-elle faire de même ? 4- Le mur & souveraineté nationale. Un prolongement du conflit chypriote ? Conclusion Bibliographie Introduction Dans l’imaginaire collectif français, la majeure partie des flux migratoires extra-européens vient d’Afrique. On nous montre régulièrement le drame des boat people, qui, en quête d’une vie meilleure, se retrouvent échoués sur les côtes espagnoles et maltaises. Or, surprise, les candidats à l’exil illégal en Europe choisissent désormais majoritairement les frontières du Sud Est de l’Europe. Irakiens, Afghans, ou encore Pakistanais choisissent de transiter par la Turquie pour rejoindre l’espace Schengen et le rêve européen. 75% des flux migratoires illégaux se feraient ainsi en transit sur le territoire turc ou moldave. En mars 2011, la Roumanie et la Bulgarie rejoindront à leur tour la zone de libre circulation européenne. Nouvelles frontières et nouveaux défis sont au programme du calendrier Européen 2011. Comment le programme......

Words: 4906 - Pages: 20

Talent Management E Valorizzazione Delle Persone

...U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I G ENOVA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Elaborato scritto per la prova finale in Organizzazione Aziendale Talent Management e Valorizzazione delle persone Docente di riferimento: Angelo Gasparre Candidato: Federico Minato Anno accademico 2013-2014 Sommario Introduzione 2 Capitolo I - Il Talent Management 7 1.1 - L'impresa che passa dal fordismo ad una visione più incentrata sulle persone 7 1.2 - Imprese moderne e concetto introdotto da McKinsey (1997): introduzione al Talent management 11 1.3 - I quattro Pilastri del Talento Management 12 1.3.1 - Recruitment 13 1.3.2 - Performance management 14 1.3.3 - Compensation management 16 1.3.4 - Learning and development 18 Capitolo II - I problemi relativi all'assunzione dei talenti dall'esterno 20 2.1 - I problemi generati nell’ambiente interno 20 2.2 - I problemi derivanti dall’incertezza nell’ambiente esterno 29 Capitolo III - La ripresa della pratica dello sviluppo interno dei talenti 35 Riferimenti bibliografici 52 Bibliografia 52 Libri 52 Articoli scientifici 52 Risorse Web 53 Introduzione Lo scopo di questa tesi è quello di affrontare il tema della Gestione del Talento, tramite una visione critica della stessa. L'elaborato si basa sull'analisi incrociata di una serie di valutazioni ed osservazioni proposte da più autori, ottenute tramite ricerche e studi sul suddetto tema. Dunque,......

Words: 16032 - Pages: 65

Costi Di Agenzia in Cina: Il Caso Delle Soes

...UNIVERSITÀ  COMMERCIALE  LUIGI  BOCCONI     Facoltà  di  Economia     Corso  di  Laurea  in  Economia  Aziendale  e   Management             Relazione  principale-­‐agente  e  costi  di   agenzia  in  Cina:  il  caso  delle  State-­‐Owned   Enterprises   DOCENTE TUTOR: Prof. Maurizio DALLOCCHIO Giulia BARRESI (matricola 1686849) Anno Accademico 2014/2015                                                                                                                 “Quando la Cina si sveglierà, il mondo tremerà”. Napoleone Bonaparte, 1816                                                                                                                                         INDICE   1.  INTRODUZIONE  ..............

Words: 6150 - Pages: 25

Usa: M-Form E Il Capitalismo Manageriale

...M-FORM E IL CAPITALISMO MANAGERIALE La grande impresa, quando finisce la prima guerra mondiale, in America è in larga parte il risultato di fusioni. Si tratta di organismi diversi e superiori alla somma delle parti costituenti. Nel merger si sono chiusi impianti, se ne sono costruiti di nuovi secondo lo stato dell’arte della tecnologia così da poter sfruttare le economie di scala e di diversificazione, si sono specializzate le produzioni degli stabilimenti già esistenti, si è delineato un nuovo disegno organizzativo. Un indicatore del successo delle fusioni sono l’incremento delle quote di mercato e la caduta dei costi unitari. Caratteristica saliente della grande impresa americana è la U-form, ovvero l’organizzazione strutturata su funzioni. A queste funzioni sovrintendono membri del consiglio di amministrazione che sono coinvolti nella gestione aziendale. La grande impresa moderna negli Stati Uniti come negli altri paesi è un prodotto del quarantennio precedente la prima guerra mondiale, sia per ciò che concerne il saper fare tecnico-gestionale, sia per quanto riguarda il disegno organizzativo e la definizione dei canali di autorità. Ma dagli anni Venti negli Stati Uniti si ha un importante sviluppo organizzativo che va nella direzione di un ulteriore incremento della pervasività del management: l’impresa multidivisionale. La comparsa di questo nuovo tipo di struttura aziendale è stimolata da fattori sia esterni che interni all’impresa. Nella seconda metà degli anni Venti......

Words: 880 - Pages: 4

Kimrie Lewis | Nail polish | HD The Secret Science of Pop